Da dove partiamo a prenderci cura di uno sportivo in generale e, nel nostro caso, di una ginnasta, considerando soprattutto la varietà di problemi che la “affliggono” durante tutta la sua carriera e non solo?

Un punto di partenza seguito dal gal lab è la  prevenzione e la cura  dell’insorgenza della “Sindrome R.E.D. – S” (Relative Energy Deficiency in Sport), caratterizzata da quei danni al normale funzionamento fisiologico di molti apparati che sono alla base di anomalie metaboliche, endocrino-ginecologiche, immunitarie, ossee, ematologiche, della crescita e dello sviluppo, della sintesi proteica, cardiocircolatorie e non ultimo psicologiche e che ha come causa principale la scarsa disponibilità energetica creata da uno squilibrio tra il necessario introito giornaliero per quantità e qualità rispetto al consumo.

Nel contesto della “RED-S Syndrome”, inoltre, si inserisce anche un altro quadro patologico estremamente diffuso negli sport cosiddetti “estetici” o di endurance, poco conosciuto e quasi mai riconosciuto, che è alla base di infortuni di varia natura e di cali di performance, che hanno difficili spiegazioni atletico-tecniche e fisiologiche, che è la “Triade d’Atleta”, caratterizzata da disturbi del comportamento alimentare con inadeguato “intake” rispetto al fabbisogno, amenorrea ipotalamica funzionale (senza cause organiche ma da difetto di sintesi estrogenica) e osteoporosi.

La RED-S Syndrome e la Triade d’Atleta sono oggi la causa principale di tutti i problemi di salute e di una spiccata tendenza agli infortuni delle ginnaste professioniste e non solo, caratterizzati da lunghi e inefficaci tempi di recupero e, inoltre, sono responsabili di cali improvvisi, apparentemente sine materia, di performance, senza peraltro che nessuna delle due entità cliniche venga presa in considerazione, non solo a scopo preventivo ma anche per identificare correttamente e di conseguenza trattare con successo una qualsiasi evenienza patologica per l’atleta stessa.

Iniziamo a parlare di RED’S Syndrome e, di seguito, condividiamo le indicazioni del Comitato Olimpico Internazionale in merito alle linee guida classificative e diagnostiche e ad alcuni provvedimenti indicati in base all’entità dei quadri clinici; a questo intergriamo le indicazioni generali sempre dello IOC sulla valutazione periodica degli atleti d’elitè.

Più avanti parleremo della triade d’atleta e affronteremo inoltre, uno per uno,  tutti i quadri patologici coorelati alla RED Synd, molto più frequenti e diffusi di quanto si pensi.

IOC consensus statement on PHE

RED-S CAT

Preparticipation physical examination