Le due squadre di C1 e C2 GAL in finale a Modena
Le due squadre di C1 e C2 GAL in finale a Modena

Alla finale nazionale di serie C1 e C2 in svolgimento a Modena questo week end hanno preso parte 2 squadre della GAL:

Squadra C1: Fossati Gabriele (12), Montrasio Achille (11), Bondì Matteo (11), Ripamonti Roberto (9)

Squadra C2: Manzoni Andrea (9), Mellerato Mattia (9), Verand Davide (9), Viganò Massimiliano (8), Mazzola Pietro (8) 

entrambe le squadre hanno guadagnato l’accesso alla finale nazionale grazie alle ottime prove interregionale tenutesi il mese scorso.

Tutti i ginnasti della C2 sono alla loro primissima esperienza come campionato a squadre, hanno già centrato un grosso obiettivo qualificandosi alla finale e per Modena hanno puntato a farsi notare , eseguendo una gara pulita senza grossi errori o sbavature; hanno tutti aumentato il valore di partenza dei loro esercizi, pur migliorando le loro esecuzioni. Questa esperienza sicuramente serve loro come motivazione per fare ancora meglio nei prossimi appuntamenti.  Sono una squadra equilibrata sui 4 attrezzi previsti dalla competizione (corpo libero, volteggio, parallele e sbarra), non hanno infatti un attrezzo particolarmente ostico. Hanno affrontato squadre più grandi di loro (in C2 possono competere bambini fino agli 11 anni), restando comunque determinati a dimostrare il loro valore, consapevoli che fosse difficile per loro rientrare nella finale a 18 di Domenica 22 Maggio dato l’altissimo livello di gara, con l’obiettivo però di distinguersi tra le migliori 60 squadre di Italia. 

Per la squadra di C1 invece è stata una gara in salita: questi ginnasti infatti si giocavano l’accesso alla finalissima a 18 squadre in programma la Domenica. La buona prestazione all’interregionale ha permesso loro di essere posizionati nel turno di Sabato pomeriggio, quindi tra i favoriti; sono, però, reduci da una preparazione un po’ sfortunata: Roberto, infatti, ha rotto il pollice durante un allenamento ed è ancora ingessato, quindi non ha potuto dare il suo importante contributo alla squadra (stava studiando, infatti, un nuovo salto al volteggio, tsukahara raccolto, per aumentare notevolmente il punteggio di partenza), pur seguendo comunque i suoi compagni durante tutta la trasferta e sul campo gara. Anche Matteo arriva da un piccolo infortunio molto fastidioso che da questo Martedì gli impedisce di lavorare al 100%: in seguito ad un arrivo a gamba tesa in fase di riscaldamento, ha subito un’iperestesione del ginocchio con conseguente infiammazione e dolore; in questi giorni è stato visitato e trattato con terapia laser dal medico della sezione agonistica della Gal, dott. Matteo Annoni, per ridurre al minimo i tempi di recupero; comunque in gara con una ginocchiera e costretto a diminuire il valore di partenza del suo esercizio a corpo libero. Questa squadra rimane comunque competitiva, anche se anche loro non sono tra i più anziani in gara (la serie C1 prevede la possibilità di gareggiare fino ai 14 anni), tutti i ginnasti infatti hanno pulito quel poco che c’era da pulire in fase di esecuzione e, pur essendo molto difficile dato il livello già alto, sono riusciti ad inserire alcuni nuovi elementi a per aumentare la loro nota D; in particolare Gabry ha presentato un esercizio completamente nuovo a corpo libero, Achille sempre a corpo libero si è fregiato di un punteggio di partenza tra i più alti di tutta la gara, grazie al buon feeling che questo ginnasta ha con l’acrobatica, Matteo ha esibito nel suo programma un aumento del punteggio di partenza sia a parallela che a sbarra; a cavallo con maniglie hanno fatto tutti il massimo e più su di così non avrebbero potuto andare, mentre agli anelli hanno mantenuto gli stessi esercizi della prova interregionale per non essere eccessivamente penalizzati.

La gara di sabato è stata a 80 squadre con i  nostri determinati a rimanere tra i migliori 18 ed entrambe le squadre si sono presentate con ottime chance: sia la squadra di C1 che quella di C2 hanno svolto una buona prova, dimostrando un buon livello tecnico e confermandosi tra le migliori d’Italia. Qualche piccola sbavatura non ha concesso ai nostri atleti di qualificarsi per la finale di Domenica; sia i ragazzi che gli allenatori sono comunque contenti di aver portato a termine una prova così impegnativa.

Il tecnico responsabile in gara è stata Anna Plebani, supportata da Riccardo Galbiati.