Ieri pomeriggio, Vanessa Ferrari, Erika Fasana ed Elisa Meneghini, sono state accompagnate dal dottor Matteo Annoni al Centro Medico di Milanello, dove si sono sottoposte ad una seduta di Crioterapia Sistemica nella criocamera mobile dell’azienda leader Sapio Life.

NAZIONALE_MILANELLO_luglio2016_2

La Crioterapia Sistemica, da non confondere con la più conosciuta Criosauna (cabina ad uso singolo con l’immersione del tronco e degli arti nell’azoto ed esclusione del capo), è una procedura che prevede che le atlete vengano inserite in una camera ermetica alimentata ad azoto liquido e l’intero corpo venga esposto a temperature molto basse tra -100 °C e – 160 °C per un tempo non superiore ai tre minuti.

NAZIONALE_MILANELLO_luglio2016_3

Questa innovativa terapia, che oggi viene utilizzata ancora da pochi, i cui benefici sono noti e documentati da studi scientifici, soprattutto in ambito di medicina sportiva, reumatologia, fisioterapia, neurologia e medicina estetica, permette un rapido ed efficace recupero muscolare contribuendo al buon mantenimento della forma fisica ed inoltre aiuta a guarire più rapidamente dagli infortuni.

NAZIONALE_MILANELLO_luglio2016_4

La crioterapia come semplice cura del freddo ha origini antichissime risalenti alla cultura Romana, Greca ed Egiziana. La prima criocamera al mondo risale al 1978 e fu realizzata in Giappone da dott T. Yamauchi che realizzò i primi studi scientifici sull’efficacia della metodica; successivamente il prof. R Fricke in Germania costruì la prima criocamera europea e, dal 1989, al team polacco del Prof. Z Raczkowski va il merito del grande sviluppo e diffusione della metodica.

Le criocamere sistemiche non sono molte in Italia e la terapia ancora poco conosciuta e non economica, ma grazie alla tecnologia di Sapio Life e alla collaborazione del GAL Lab di Lissone e di Milan Lab è stato possibile mettere doverosamente a disposizione della nostra nazionale di Ginnastica Artistica e del DT Enrico Casella, che, da tecnico attento e di esperienza, era già a conoscenza della “cura del freddo”, le migliori risorse tecnologiche per l’assistenza delle nostre atlete.

Una piccola grande opportunità per il “presente olimpico” di una squadra eccezionale per la quale tutti dobbiamo essere pronti e a disposizione e uno stimolo per investimenti futuri finalizzati alla cura e al mantenimento delle nostre atlete e al miglioramento delle loro performances.

Un doveroso ringraziamento va a tutti coloro che l’hanno resa possibile, al centro Medico di Milanello nella persona del sempre disponibile Daniele Tognaccini, a Roberto Morosi fisioterapista della squadra e a Stefano Maldifassi, che ha assistito le nostre ragazze in tutta la procedura, al dott M. Annoni del Gal Lab di Lissone e allo staff tecnico della nostra nazionale sempre aperto all’impiego di nuove tecnologie.

NAZIONALE_MILANELLO_luglio2016_5Gal Lab di Lissone/dott Matteo Annoni

La nazionale a Milanello!! #roadtoRio #TeamItaly

Geplaatst door Ginnastica Artistica Italiana. op vrijdag 22 juli 2016